Bretagna da Scoprire




Home » News » La Fête de la Coquille Saint-Jacques

La Fête de la Coquille Saint-Jacques

In Bretagna il 9 e il 10 aprile Festa della capesanta, per gustare la Coquille Saint Jacques, un appuntamento che si svolge ogni anno in uno dei tre principali porti di pesca della Cotes d’Armor e quest’anno a  Loguivy-de-la-mer e Erquy (www.erquy-tourisme.com). Per due giorni degustazioni delle capesante e canti marinari in pieno stile bretone che accomuna i suoi abitanti e chi ama questa terra: forte, intensa e bellissima dove il mare detta le regole e il vento le scandisce.

La Cotes d’Armor offre uno dei volti più belli della Bretagna con le sue grandi maree, le onde che si infrangono sulle scogliere e l’emozione della natura incontaminata. Spento il chiasso della festa rimangono i grandi spazi, si passeggia fra i promontori battuti dal mare, con il vento che sferza ora più leggero. Qui la primavera si fa desiderare, la temperatura è fresca ma i colori sono magnifici.

Sulla Costa d’Armor un indirizzo da non perdere per dormire è La Maison des Lamour (www.lamaisondeslamour.com), una vecchia fattoria circondata da 20 ettari che si trova in piccola valle attraversata da un fiume. Gli antichi edifici disposti a corte offrono 5 chambres d’hotes. Per la prima colazione pane fatto in casa, crepes e confetture della maison (74 euro a notte).

Per chi vuole scoprire la Bretagna in primavera, ci sono i sentieri dei Doganieri lungo paesaggi incontaminati e selvaggi, qui sulla Costa di Granito Rosa si trovano immense distese di erica che iniziano a fiorire, a Perros Guirec ci si può fare accompagnare da Marie, la guida naturalistica della Maison Natural. Di fronte le Sette Isole, vero paradiso di uccelli marini; ci si ferma ad osservare i giochi nel cielo degli uccelli che nidificano qui, o si cammina nel bosco alla ricerca erbe medicinali o tra i prati dove volano oltre 40 specie diverse di farfalle, alcune molto rare.

Fra i percorsi più scenografici c’è la Strada dei fari che comprende anche il faro più alto d’Europa (oltre 82metri) insieme a una cinquantina di altri fari alcuni visitabili, soprattutto nel Finistere.

In primavera sembrano ancora più magnifici i paesaggi bretoni: dalla baia di Mont Saint Michel alla Costa di Smeraldo, dai bestiari di pietra della Costa di Granito Rosa alla Pointe du Raz. Valgono un viaggio anche alcuni luoghi di charme consigliati per fermarsi a dormire dal Comitato Regionale per il turismo della Bretagna.

Nell’area Finistere (www. bretagna-vacanze.com) si dorme in una tipica chaumiere bretone dal tetto di paglia battezzata Bleu sale’, nella baia d’Audierne, questo Gites si trova nel cuore di una grande proprietà e sullo sfondo c’è solo il mare. All’interno mobili antichi e sedie art deco (275 euro due notti). Oppure si può dormire a Villa Christilla a Saint Lunaire, un B&b di charme a 300 metri dal mare . La mattina viene servita una prima colazione con tutti prodotti della casa e si mangia in compagnia dei due proprietari Christilla e Bernard Lorthiois (90 euro).

Per chi ama i sapori bretoni, il prossimo appuntamento è a Gourin il 23 e il 24 luglio con la Festa della crepe (www.fetedelacrepe.free.fr), un’occasione per gustare la famosa tradizionale bretone. In programma balli, musiche, concerti e mostre e il tipico fest-noz, la festa bretone per definizione.

Autore: Marzia Giglioli
Fonte: Ansa.it